lunedì 14 luglio 2014

Punti di vista

Nessun commento:
l'elettrone rimane immobile girando per inerzia intorno al nucleo: spesso si chiede dubbioso se sia normale tanto sforzo per tornare sempre al punto di partenza, senza considerare che non lo rivedrà mai più... sempre che parlar di vista abbia un senso in questo contesto.

forse non è la vista ciò che interessa l'acqua mentre vorticosamente scende nello scarico, ma è comunque un senso e più precisamente un senso unico, orario o contrario a seconda della posizione rispetto all'equatore e a un numero imprecisato di assiomi e convenzioni, perché il punto di vista gioca un ruolo così fondamentale all'interno del sistema che si esamina, da contaminarne irrimediabilmente il risultato. allineandone infiniti sullo stesso piano, si può dar vita ad una retta che, proprio come l'equatore, può essere così dritta da diventare un cerchio.

il sole nel frattempo si gratta la pancia dalla fame, poiché si sa... per lui è sempre mezzogiorno. involontariamente provoca l'evaporazione dell'acqua nell'unico pianeta che ne possiede, determinandone il lento passare delle stagioni, che presto o tardi la riporteranno al posto giusto e speranzoso desidera... per una volta, una sola,  di poter vedere l'imbrunire. le tempeste nella sua superficie aumentano al punto da spaventarlo e rimane immobile e speranzoso, girando in cerchio insieme alle altre stelle nella via lattea: una delle tante galassie, anch'esse immobili, mentre orbitano attorno a un enorme buco nero da cui si pensa derivi il passato: nel senso che qualcosa di sicuro ci sarà passato attraverso, ma in tempi così remoti da assomigliare a un probabile futuro.

intanto un bambino, sotto ai suoi raggi più caldi, stringe la ciambella ricoperta di zucchero fra le mani e fantasticando, la rotola in orizzontale come una ruota, senza immaginare di essere a sua volta l'orizzonte di un altro bambino che galleggia nel mare con una ciambella salvagente, intento a roteare le braccia come eliche di una nave.

nell'emisfero a sud di un nord ipotetico e presuntuoso, di una sfera schiacciata e non troppo rotonda, in circolo ellittico attorno a una stella che non ne è il centro, ma solo uno dei due fuochi, vive una popolazione che da qualche migliaio di anni ha smesso di credere alla morte.